Tibet

Il Tibet affascinante e mistico per i suoi maestosi paesaggi, per la coinvolgente spiritualità e l’incredibile personalità dei suoi abitanti è sicuramente un viaggio che vi vedrà cambiati al vostro ritorno..

Con un’altitudine media che supera i quattromila metri, l’altopiano del Tibet è chiamato il “tetto del mondo“. È anche una delle regioni più isolate, circondato su tre lati da alcune delle catene montuose più alte del pianeta: il Kunlun e il Tanggula a nord, il Karakorum a ovest e l’Himalaya a sud.

Come viaggiare

Il Tibet si presta ad essere visitata con tour individuali, con autista privato e guide parlanti inglese (difficile reperire guide parlanti italiano a meno che non arrivino da Pechino).

Date le alte quote è consigliabile dedicare qualche giorno all’acclimatazione. Hotel e mezzi dispongono sempre di bombola d’ossigeno in caso di sintomi di ipossia.

Il Tibet necessità un visto speciale di ingresso ed è spesso consigliabile raggiungerlo dal Nepal, attraverso il volo che collega Kathmandu a Lhasa., il rientro può essere fatto anche via strada. In caso di viaggio in Tibet dal Nepal il visto si ottiene a Kathmandu in tre giorni e sarà il nostro ufficio locale di Kathmandu ad occuparsene.

Affascinante è raggiungere il Tibet in treno utilizzando la linea  ferroviaria del Qinghai-Tibet, chiamata anche Treno del Cielo o Tibet Express è una linea ferroviaria che collega Xining, capitale della provincia cinese del Qinghai, con Lhasa, capitale del Tibet.

.

Le soluzioni alberghiere in  Tibet sono molto semplici e di basse pretese, ma si adattano bene allo spirito di una delle località in vetta al globo.

Cosa visitare

Il Tibet vanta tre siti patrimonio dell’umanità situati a Lhasa

Palazzo Potala, Lhasa (1994,2000, 2001)

Norbulingka Summer Palace (2001)

Jokhang Temple (2000)

Quando andare

Il clima in Tibet appartiene al tipico clima di un altopiano d’alta quota, varia a seconda della zona e le temperature hanno gradienti notevoli nell’arco della giornata.

Il clima nel Tibet sud-orientale (Nyingchi) è mite e temperato, con una temperatura media di otto gradi; nel Tibet occidentale (Nagqu), la temperatura media è inferiore a zero gradi; mentre a Lhasa e nella parte centrale del Tibet, il clima è abbastanza piacevole per viaggiare.

I visitatori non sentiranno né un eccessivo freddo in inverno né caldo in estate, soprattutto da aprile a ottobre, le stagioni migliori per visitare il Tibet. La maggior parte delle precipitazioni annuali avviene nella stagione delle piogge che inizia da maggio a settembre, quando le precipitazioni coprono il 90% del totale annuale. Di solito a Lhasa, Shigatse e Chamdo, piove di notte e le precipitazioni diminuiscono gradualmente da 5000 millimetri nella parte bassa del sud-est a soli 50 millimetri nel nord-ovest.

News da: Tibet

Qinghai-Tibet Railway – The roof of the world – Cina Tibet

Chi cerca il romanticismo del Tibet troverà la Qinghai-Tibet Railway un viaggio suggestivo che trasporta il viaggiatore in un mondo diverso, lontano dalle insegne al neon e dai grattacieli della Cina urbana. Il treno si percorre le praterie e le alte montagne del remoto Qinghai e del Tibet, serpeggiando tra ghiacciai, picchi, laghi salati scintillanti e villaggi affascinanti.

La nightlife a Lhasa – Tibet

La nightlife a Lhasa può sembrare abbastanza semplice ai turisti e viaggiatori. Le attività sono spesso limitate a spettacoli tibetani, sedersi attorno a un tavolo e chiacchierare con un amico o passeggiare in un mercato notturno. Alcuni locali notturni sono frequentati principalmente dalla gente del posto.

Nagqu Horse Racing Festival – Tibet

Nagqu Horse Racing Festival si tiene in agosto nella regione autonoma del Tibet è il più grande evento annuale nella prefettura di Nagqu. Gare a cavallo tiro con l’arco incontri di wrestling e tanto colore accompagneranno il festival dell’orgoglio tibetano.

Saga Dawa Festival – le tre ricorrenze del Buddha – Tibet

Conosciuto come Vesakha nei paesi buddisti il Saga Dawa Festival si celebra in Tibet a giugno per onorare le tre ricorrenze del Buddha Shakyamuni Buddha. La cerimonia principale resta l’istallazione di un pennone di preghiera da cui in una raggiera di fili fissati alla cima, sono appese centinaia se non migliaia bandiere di preghiera multicolori.

Leggi altro di Tibet