Spagna

La Spagna è un paese ricco di storia fatto di castelli di pietra, montagne innevate, vasti monumenti e sofisticate città, che l’hanno resa una delle mete di viaggio preferite. Il paese è geograficamente e culturalmente vario. Il suo cuore è la Meseta, un ampio altopiano a 700 metri sul livello del mare. Gran parte della regione è tradizionalmente dedita all’allevamento di bestiame e alla produzione di grano; è in questo ambiente rurale che il Don Chisciotte di Miguel de Cervantes ha combattuto gli alti mulini a vento che ancora oggi caratterizzano il paesaggio. Nel nord-est del paese si trovano l’ampia valle del fiume Ebro, la regione montagnosa della Catalogna e la pianura costiera collinare di Valencia. A nord-ovest si trovano le Montagne Cantabriche, una catena montuosa aspra in cui valli fortemente boscose e piovose sono intervallate da alte cime. A sud si trovano le terre agrumate e irrigue della valle del Guadalquivir, celebrate nei celebri testi dei poeti spagnoli Federico García Lorca e Antonio Machado, al di sopra questa valle si erge la “innevata“ Sierra Nevada. La parte meridionale del paese è desertica, un’estensione del Sahara resa familiare dai film “spaghetti western” degli anni ’60 e dei primi anni ’70. Ricoperta di palme, cespugli di rosmarino e altra vegetazione tropicale, la costa mediterranea sudorientale, le Isole Baleari e le vulcaniche Canarie, godono di un clima mite, attirando milioni di visitatori e pensionati, soprattutto dal nord Europa.

Come viaggiare

La Spagna si presta a molteplici tipologie di viaggio:

ci sono numerose partenze settimanali di tour di gruppo di diversa durata, minimo 2 pax, opprure partenze specifiche dedicate a particolari eventi.

Per il viaggiatore più curioso c’è la possibilità di organizzare un tour con auto e autista privato, che consentirà di uscire dalle solite rotte del turismo di massa per conoscere piccole cittadine, piccoli borghi da cartolina e scorci panoramici di infinita bellezza.

Per il viaggiatore più autonomo è possibile effettuare anche un fly and drive.

Tutti gli itinerari sono completamente personalizzabili e potranno essere arricchiti di escursioni in bicicletta, passeggiate accompagnate, degustazioni enogastronomiche o esperienze autentiche secondo le personali inclinazioni del viaggiatore.

La Sistemazioni

Si può soggiornare in hotel 3, 4 o 5 stelle, inoltre abbiamo operato anche una interessante selezione di appartamenti che possono offrire una alternativa più confortevole per le famiglie, regalando molto più spazio, autonomia ed economicità, sia nelle città che nelle località balneari.

Paradores de España

Nel 1910 il governo spagnolo assegnò al Marchese de la Vega Inclan il compito di creare un’infrastruttura alberghiera – all’epoca praticamente inesistente in Spagna – che ospitasse i viaggiatori e migliorasse l’immagine della Spagna all’estero. Nel 1926, attraverso la Commissione Reale del Turismo istituita nel 1911, il Marchese de la Vega Inclán diede inizio alla creazione di un hotel nei Monti Gredos che avrebbe reso accessibili al turismo le meraviglie del paesaggio della zona.

Sua Maestà il Re Alfonso XIII fu molto entusiasta dell’idea e scelse personalmente il luogo. La costruzione iniziò nell’agosto del 1926 e fu completata la sera del 9 ottobre 1928. L’hotel fu inaugurato lo stesso giorno, e sarebbe diventato il primo stabilimento della futura Rete dei Paradores de España: Il Parador de Gredos. Dopo l’apertura del Parador de Gredos, si formò il “Consiglio dei Paradores e delle locande di Spagna” e gli sforzi furono incanalati nel perfezionamento dell’idea originale e nell’utilizzo di selezionati monumenti storico-artistici e splendidi paesaggi per la creazione di nuovi Paradores. Le successive aperture di Parador a Oropesa (Toledo-1930), Ubeda (Jaen-1930), Ciudad Rodrigo (Salamanca-1931) e Merida (Badajoz-1933) sono chiari esempi di come le caratteristiche dell’ospitalità si siano integrate armoniosamente con il restauro di castelli, palazzi e conventi, salvando dalla rovina e dall’abbandono monumenti rappresentativi del patrimonio storico e culturale spagnolo.

Quando si è in Spagna, non si è mai lontani da uno dei Paradores, offrendo molteplici scelte di alloggio da zone prettamente naturali ai centri storici. I Paradores offre la miglior ristorazione, di gastronomia regionale accompagnata da un’incredibile selezione di vini locali.

Paradores 2Paradores 1

Cosa visitare

Le numerose e varie culture che hanno fatto la Spagna – quella dei castigliani, dei catalani, dei lusitani, dei galiziani, dei baschi, degli arabi, degli ebrei e dei rom (gitani), sono rinomate, per la varietà delle loro cucine, dei loro costumi e per il loro prolifico contributo al patrimonio artistico mondiale. I conquistatori romani hanno lasciato la loro lingua, le strade e i monumenti, molti dei più grandi governanti dell’Impero Romano erano spagnoli, tra cui Traiano, Adriano e Marco Aurelio. I Mori, che regnarono su porzioni di Spagna per quasi 800 anni, lasciarono un’eredità di architettura raffinata, poesia lirica e scienza; i rom contribuirono con la musica ammaliante chiamata cante jondo (una forma di flamenco), che come scrive García Lorca, “proviene da razze remote e attraversa il cimitero degli anni e le fronde dei venti aridi”.

La Spagna vanta 42 siti UNESCO Culturali, 4 Naturali e 2 Misti che andiamo ora ad elencare

Alhambra, Generalife e Albayzín, Granada (1984,1994)

Antequera Dolmens Site (2016)

Paesaggio culturale di Aranjuez (2001)

Gruppo Archeologico di Mérida (1993)

Gruppo Archeologico di Tárraco (2000)

Sito archeologico di Atapuerca (2000)

Cattedrale di Burgos (1984)

Califfato Città di Medina Azahara (2018)

Chiese romaniche catalane della Vall de Boí (2000)

Cattedrale, Alcázar e Archivo de Indias a Siviglia (1987)

Grotta di Altamira e Grotta del Paleolitico del Nord della Spagna (1985,2008)

Paesaggio culturale della Serra de Tramuntana (2011)

Patrimonio di Mercurio. Almadén e Idrija (2012)

Centro storico di Cordoba (1984,1994)

Città storica di Toledo (1986)

Città storica murata di Cuenca (1996)

La Lonja de la Seda de Valencia (1996)

Las Médulas (1997)

Monastero e sito della Escurial, Madrid (1984)

Monumenti di Oviedo e del Regno delle Asturie (1985,1998)

Architettura mudéjar di Aragona (1986,2001)

Centro storico di Salamanca (1988)

Centro storico di Ávila con le sue chiese extraeuropee (1985)

Centro storico di Cáceres (1986)

Il centro storico di Segovia e il suo acquedotto (1985)

Palau de la Música Catalana e Hospital de Sant Pau, Barcellona (1997)

Palmeral di Elche (2000)

Monastero di Poblet (1991)

Siti di arte rupestre preistorica nella Valle del Côa e Siega Verde (1998,2010)

Ensembles Monumentali Rinascimentali di Úbeda e Baeza (2003)

Risco Caido e i Sacri Monti di Gran Canaria Paesaggio Culturale (2019)

Arte rupestre del bacino del Mediterraneo nella penisola iberica (1998)

Mura Romane di Lugo (2000)

Itinerari di Santiago di Compostela: Camino Francés e Itinerari del Nord della Spagna (1993,2015)

Monastero Reale di Santa Maria di Guadalupe (1993)

San Cristóbal de La Laguna (1999)

Monasteri di San Millán Yuso e Suso (1997)

Santiago di Compostela (Città Vecchia) (1985)

Torre di Ercole (2009)

Università e distretto storico di Alcalá de Henares (1998)

Ponte di Vizcaya (2006)

Opere di Antoni Gaudí (1984,2005)

Antiche e primitive foreste di faggio dei Carpazi e di altre regioni d’Europa (2007,2011,2017)

Parco Nazionale di Doñana (1994,2005)

Parco Nazionale di Garajonay (1986)

Parco Nazionale del Teide (2007)

Ibiza, Biodiversità e cultura (1999)

Pirenei – Mont Perdu (1997,1999)

Quando andare

In Spagna ci sono, in generale, cinque tipi di clima:

  • il clima della costa atlantica, fresco, umido e piovoso;
  • il clima dell’altopiano centrale, piuttosto arido e moderatamente continentale, con inverni relativamente freddi ed estati calde (Madrid).
  • il clima mediterraneo delle regioni costiere meridionali e orientali (Barcellona, Baleari, Valencia, Malaga), mite e soleggiato.
  • il clima montuoso dei Pirenei e della Sierra, più o meno freddo a seconda dell’altitudine.
  • Infine, il clima quasi africano dell’Andalusia, mite in inverno e molto caldo in estate.

Pertanto, la Spagna non è sempre calda e soleggiata come si potrebbe pensare. Tuttavia, se si esclude la costa nord, in gran parte della Spagna, l’estate è calda, secca e soleggiata.

Il nord

Costa atlantica

A nord, lungo la costa che costeggia l’Oceano Atlantico (La Coruna, Gijon, Santander, Bilbao), l’inverno è mite e umido, le piogge sono frequenti e il sole è relativamente raro. Le coste della Galizia e delle Asturie, più esposte ai venti occidentali, sono spesso ventilate, ma può accadere anche in Cantabria e nei Paesi Baschi. In Galizia (Santiago de Compostela), le piogge sono particolarmente abbondanti, soprattutto da ottobre ad aprile. In questa zona l’estate è fresca e abbastanza piovosa, anche in luglio ed agosto il cielo è spesso coperto di nuvole, il mare non è caldo, raggiungendo a malapena i 21 °C in agosto.

Clima mediterraneo

Sulla costa del Mar Mediterraneo e sulla piccola costa atlantica del Golfo di Cadice (Barcellona, Valencia, Isole Baleari, Almeria, Malaga, Cadice, Jerez de la Frontera), l’inverno è mite e rispetto alla costa settentrionale, le piogge sono più rare e le giornate di sole frequenti. Ciò è dovuto al fatto che le coste mediterranee della Spagna, esposte come sono a est e a sud, sono relativamente riparate dai fronti atlantici. Lungo la costa mediterranea e sulle Isole Baleari, l’estate è calda e soleggiata, come è tipico del clima mediterraneo. L’aria è umida, ma le brezze marine temperano il calore durante il giorno. In Costa Brava (Lloret de Mar) e a Barcellona la temperatura media a gennaio è di circa 8/9 °C, continuando verso sud diventa più mite, e già a Valencia supera i 10 °C. Ad est di Valencia, le Isole Baleari (Maiorca, Minorca, Ibiza, Formentera) hanno un clima mediterraneo, ma sono anche piuttosto ventose, soprattutto l’isola più orientale, Minorca, a causa del vento fresco che soffia dal sud della Francia. Ibiza e Formentera, che si trovano più a sud, sono più miti e più riparate. L’estate è calda e soleggiata in tutte le isole, con temperature che raggiungono i 30°C. Più a sud, nella parte meridionale, Costa de Murcia e la Costa de Almería, essendo protette dalla Sierra Nevada, sono più aride, e hanno un inverno relativamente secco e soleggiato. Sulle coste dell’Andalusia, proseguendo verso ovest, il clima è ancora mediterraneo (Malaga), ma sulla punta meridionale, dove si trovano Gibilterra e Tarifa, è più fresco e ventoso in estate, e più piovoso in inverno. Nel sud-ovest della Spagna, troviamo un’altra costa affacciata sull’Oceano Atlantico, la Costa de la Luz, anche qui il clima è mediterraneo, con estati calde e soleggiate, ma l’influenza dell’oceano si fa sentire, rendendo il caldo non così afoso come sulla costa mediterranea; il mare è fresco anche in piena estate.

Interno

Meseta

L’interno della Spagna (Valladolid, León, Pamplona, Madrid, Salamanca, Saragozza), è in gran parte occupato da un altopiano, chiamato Meseta, che ha un’altitudine media di 700/800 metri ed ha inverni freddi. A Madrid, la capitale, situata al centro dell’altopiano, a circa 650 metri sul livello del mare, a gennaio le temperature notturne oscillano intorno allo zero (0 °C), mentre le temperature diurne si aggirano intorno ai 10 °C, ma a volte durante i periodi più freddi può anche gelare e nevicare. Nell’altopiano, le giornate estive sono spesso roventi, con punte ben superiori ai 30 °C, ma grazie all’altitudine, le notti sono piuttosto fresche, e d’altra parte l’umidità è bassa, quindi il calore è più sopportabile. A Madrid, la temperatura raggiunge facilmente i 35/36 °C, e a volte anche i 40 °C . Nell’altopiano le precipitazioni non sono abbondanti (anche se sono abbastanza frequenti in inverno) perché la maggior parte dell’umidità proveniente dall’oceano cade come pioggia sui pendii atlantici. A Madrid, le precipitazioni ammontano a 455 mm all’anno.

Pianura andalusa

Nelle regioni interne meridionali, nelle zone più basse dell’Estremadura (Badajoz) e nell’interno dell’Andalusia, l’estate è molto calda. Siviglia e Cordoba sono in realtà le città più calde d’Europa, e questa zona si può definire un pezzo d’Africa in Europa. In estate, le temperature raggiungono spesso i 38/40 °C e a volte fino a 45 °C. Nelle zone interne, soprattutto a sud, in estate il cielo è normalmente limpido, ed anche in inverno ci sono molte giornate di sole. Nelle città del sud, situate ad un’altitudine superiore a quella della pianura, come Granada che si trova a 700 metri sul livello del mare, il calore è mitigato dall’altitudine, le notti sono un po’ più fresche, ma le giornate sono spesso roventi.

Montagne

Nelle regioni di montagna il clima diventa progressivamente più freddo e nevoso con l’aumentare dell’altitudine. Inoltre, alla stessa altitudine i Pirenei a nord sono certamente più freddi della Sierra Nevada, ma quest’ultima è più alta (il monte Mulhacen raggiunge quasi 3.500 metri, quindi, anche se si trova ad una latitudine più a sud, solitamente ha abbastanza neve da sciare (ad alta quota). È possibile combinare una mattinata di sci con un pomeriggio sulla costa, per godersi l’aria mite della vicina Costa Tropical (Motril è a circa un’ora e mezza di macchina). C’è anche una catena montuosa che attraversa la Meseta, chiamata Sistema Centrale, divisa in varie catene. Quella più vicina alla capitale è la Sierra de Guadarrama, la cui cima più alta è Peñalara (2.428 metri), e si può sciare in inverno. A sud-ovest troviamo un’altra catena, la Sierra de Gredos, non molto distante da Madrid.

Pirenei

Più a est, nelle zone settentrionali della Navarra, dell’Aragona e della Catalogna, troviamo la catena dei Pirenei. La cima più alta, il Pico de Aneto, 3.404 metri, si trova in Aragona. Sopra i 2.700 metri si trovano i ghiacciai.

Isole Canarie

Le Isole Canarie godono di un clima straordinariamente mite, infatti, si trovano nell’Oceano Atlantico, appena a nord del Tropico del Cancro, a breve distanza dalle coste del Marocco e del Sahara Occidentale, in un tratto di mare dove scorre una corrente fresca. Sono soggette agli alisei, che soffiano costantemente da nord est.  Lungo le coste, la temperatura media giornaliera varia da 18 °C in gennaio e febbraio ai 24 °C in luglio, agosto e settembre. A causa della frequenza dei giorni in cui soffia il vento dall’Africa, le temperature diurne in estate sono in media leggermente più alte nelle isole orientali (Lanzarote, Fuerteventura), dove le massime nel periodo luglio-settembre si attestano intorno ai 28/29 °C, e leggermente più basse nelle isole occidentali (El Hierro, La Palma), dove rimangono intorno ai 26/27 °C. Le fluttuazioni sono piccole: in inverno, la temperatura nelle pianure non scende quasi mai sotto i 10 °C. I picchi di calore estivo sono invece di circa 33/34 °C a El Hierro, l’isola più occidentale e più riparata, 37/38 °C a La Palma, e 40 °C e più nelle altre isole: questi valori sono raggiungibili nei brevi periodi in cui soffia il vento caldo e secco dal deserto del Sahara (che negli ultimi anni sono diventati più frequenti). In queste situazioni di caldo intenso (chiamate Calima), solitamente più frequenti nei mesi di luglio e agosto, nelle isole più orientali l’aria può essere riempita di polvere e sabbia, mentre nelle isole occidentali domina una calma insolita (per queste isole) e fastidiosa. Questi periodi non sono consigliati per il trekking e l’escursionismo perché nelle zone situate ad un’altitudine superiore al livello del mare (chiamate medianías) il caldo africano è ancora più intenso che sulla costa. A parte alcuni rari periodi piovosi e ventilati nel tardo autunno e in inverno, quelli di Calima sono gli unici momenti spiacevoli di questo clima, che per il resto è quasi sempre gradevole. Gli alisei di nord-est, tipici dei climi subtropicali, sono i venti dominanti, ma seguono un andamento diurno simile a quello della brezza marina, quindi sono più intensi nelle ore più calde e nel pomeriggio, e spesso soffiano a circa 50 km/h. Il regime pluviometrico delle Canarie è tipicamente mediterraneo, con un massimo in inverno (ma anche a novembre in molte zone) e un minimo in estate, con piogge praticamente assenti nei mesi più caldi.

Temperatura del mare

Sulla costa nord-occidentale, il mare è sempre molto fresco, se non freddo, e raggiunge un massimo di 18°C. Sulla costa nord (Bilbao), la temperatura del mare è ancora molto fresca, anche se in estate è un po’ più alta (19 °C). Sulla costa del Mar Mediterraneo (Barcellona, Isole Baleari, Costa Blanca), la temperatura del mare è più alta, ed è abbastanza calda per fare il bagno da luglio a settembre (23-25°C). Sulla Costa del Sol (Malaga), il mare non è caldo come nel resto del Mediterraneo a causa dell’infiltrazione delle acque atlantiche (22-23°C in estate). Il mare nella piccola porzione di sud-ovest che si affaccia sull’Oceano Atlantico (Costa de la Luz, Cadice) è ancora più fresco. Qui la temperatura dell’oceano raggiunge i 21 °C in agosto e settembre, anche se il tempo è caldo e soleggiato. A causa della stessa corrente fredda che rende il clima così mite, il mare delle Canarie non è caldo, nelle isole centrali delle Canarie (Tenerife, Gran Canaria), la temperatura dell’acqua varia da 19 °C tra l’inverno e l’inizio della primavera a 23 °C tra agosto e ottobre, che è quindi il periodo migliore per fare il bagno.

Periodo migliore

Per una vacanza al mare, come abbiamo detto, la costa dell’Atlantico settentrionale ha un’ estate fresca e abbastanza piovosa. Inoltre, la temperatura dell’oceano è fredda anche in questo periodo, quindi è preferibile la costa mediterranea e i mesi migliori sono luglio e agosto.

Per chi desidera visitare le città ed effettuare escursioni, l’estate è una grande stagione sul versante atlantico (nord e nord-ovest), dove si può trovare un clima fresco o mite, molto diverso dal resto della Spagna. Lo stesso si può dire per quanto riguarda le zone montuose, che sono soleggiate ma non troppo calde.

Il resto della Spagna, durante l’estate, è caldo, soprattutto in luglio e agosto e difficile da sopportare, (almeno per chi non lo gradisce). Questo vale soprattutto per le zone interne meridionali (Siviglia, Cordoba), che sono letteralmente in fiamme, quasi un avamposto dell’Africa in Europa.

In inverno, le coste meridionali del Mar Mediterraneo (Costa del Sol, Costa Blanca) sono solitamente miti e soleggiate, rendendole piacevoli anche in questo periodo (almeno se paragonate ad altre parti d’Europa).

In generale, le stagioni migliori per visitare la parte meridionale e centrale della Spagna sono la primavera e l’autunno. Madrid e Barcellona, per esempio, maggio, giugno e settembre sono i mesi migliori (anche se a settembre, soprattutto a Barcellona, si verificano le prime piogge autunnali), Siviglia, che è caratterizzata da un’estate particolarmente lunga e calda, i mesi migliori sono maggio, ottobre e aprile, quando la temperatura massima può superare con una certa facilità i 25 °C.

È possibile visitare le Isole Canarie durante tutto l’anno, poiché il clima è molto mite. Tuttavia, nel tardo autunno e in inverno, le temperature sono primaverili e possono verificarsi alcune giornate nuvolose, così come un po’ di vento e pioggia. Il periodo da maggio a metà ottobre sarà preferibile per una vacanza al mare, anche se a maggio il mare è ancora fresco e si riscalderà gradualmente nei mesi successivi.

Per una vacanza sulla neve, è più probabile trovare innevati i Pirenei che le zone montuose del centro e del sud. Come detto, si può sciare anche a nord di Madrid, nella Sierra di Guadarrama, e più a sud nella Sierra Nevada. Tuttavia, anche se le piste da sci della Sierra Nevada si trovano ad altitudini molto elevate, al di sopra dei 3.000 metri, non sempre sono coperte di neve.

News da: Spagna

Aracena

Aracena – Andalusia – Spagna

Aracena si trova nella parte settentrionale della provincia di Huelva, nella Sierra de Aracena y Picos de Aroche. Presenta l’architettura tipica dei paesini andalusi, con casette bianche che spiccano nel paesaggio verde della sierra. Il centro storico, dai trascorsi Arabi e Templari, dichiarato Bene di Interesse Culturale, e la Grotta delle Meraviglie sono i maggiori punti di interesse a livello turistico.

Jerez de los Caballeros

Jerez de los Caballeros – Estremadura – Spagna

Ridente cittadina della provincia di Badajoz a Jerez de los Caballeros, città dei templari, la cultura, sapere e arte, espressa in vari stili (preistorico, gotico e barocco), si prendono per mano. È immersa in verdi praterie dove pascolano grandi greggi di bestiame, la principale risorsa dell’economia locale. Il centro storico è stato dichiarato Bene di Interesse Culturale.

Zafra

Zafra – Estremadura – Spagna

Zafra, conosciuta anche come la Piccola Siviglia, si trova nel cuore della Bassa Estremadura, in una pianura ai piedi delle formazioni rocciose della Sierra di Castellar. La città cominciò a crescere grazie alla sua posizione strategica lungo la Via della Plata (Via dell’Argento), un’importante via di comunicazione della Hispania romana. La sua tradizione mercantile rivive ancora oggi nella fiera del bestiame di San Miguel.

Mérida

Mérida – la città romana che continua a vivere – Spagna

Mérida è una meta in cui rivive l’antico Impero Romano. Il suo teatro romano continua a essere utilizzato dopo 2.000 anni di storia e nelle sere d’estate ospita il Festival Internazionale del Teatro Classico. Le rovine antiche conservate fino a oggi sono la testimonianza tangibile della sua grandezza. Questi magnifici reperti sono sparsi per tutta la città, tempio di Diana, l’anfiteatro e il teatro, il circo, le terme, gli acquedotti, gli archi. Di sera, sapientemente illuminati, i monumenti antichi appaiono ancor più suggestivi e potrete vivere un momento di pura magia.

Plaza Alta de Badajoz

Badajoz – Estremadura – Spagna

Situata sulle rive del fiume Guadiana, a solo sei chilometri dal Portogallo, Badajoz la capitale dell’Estremadura ha un passato legato alla sua posizione di frontiera. La primitiva cittadella di Civitas Pacis era già nota ai tempi dei romani, ma furono i mussulmani a darle il suo nome attuale chiamandola Batalyoz (sec.VIII). Percorrendo le vie del centro storico, si scoprono mura d’origine araba, interessanti monumenti e strade, pittoreschi porticati.

Ikos Andalusia, Spagna

l’Ikos Andalusia è uno splendido resort all-inclusive che offre un servizio di prima classe in stile mediterraneo sulla splendente Costa del Sol, in Andalusia, nel sud della Spagna, vicino a Marbella e alla storica cittadina di Estepona.

Leggi altro di Spagna