Amanbagh – eleganza moghul – Rajasthan India

Published On: 27 Gennaio 2021|
Print Friendly, PDF & Email

Dalla combinazione della parola di derivazione sanscrita di ‘pace’ con bagh (giardino in Hindi), Amanbagh offre la fuga perfetta. Un palazzo moderno in pietra arenaria rosa pallido, circondato da deliziosi giardini floreali con calendule (marigold), rose di ogni tonalità immaginabile e un orto biologico ricco di erbe aromatiche e verdure di stagione.

Con le città rosa e blu, gli antichi forti e le zone selvagge abitate dalle tigri, il Rajasthan è rinomato per la sua bellezza selvaggia, la cui essenza può essere trovata nell’oasi giardino che è Amanbagh posizionato nelle aspre Aravalli Hills. Un tempo area di sosta nella riserva di caccia del Maharaja di Alwar, questo “tranquillo giardino ” è una lussureggiante tenuta ricca di palme, alberi da frutto ed eucalipti. Dalla vegetazione spuntano le cupole rosate e gli ingressi a volta di ispirazione Mughal delle strutture, assolutamente tranquille e private di Amanbagh. Oltre vi sono accoglienti villaggi, i siti culturali e le incredibili riserve naturali di questa antica terra.

Un santuario contemporaneo nelle antiche colline Aravalli, circondato da rovine di templi e villaggi rurali. Design equilibrato, dintorni bucolici, servizio cortese, camere lussuose, pasti superbi.

La location

Fuggire dalle caotiche città tentacolari dell’India (o semplicemente dalla vita moderna) e arrivare a questa oasi verde e lussureggiante è come una grande esalazione. A sole due ore di macchina da Jaipur, e a circa tre ore e mezza dal Taj Mahal, sembra di essere tornato indietro nel tempo: donne in sari dai colori vivaci lavorano i campi, i bufali d’acqua sguazzano nelle piscine fangose. E quando si percorre l’ultima strada e l’autista spegne il motore, la serenità è palpabile… un po’ come arrivare in un tempio secolare.

Amanbagh map

Stile e Carattere

Un rifugio in pietra arenaria rosa pallido all’interno di un complesso di mura, Amanbagh si sente sia moderno che antico. Ed Tuttle, l’architetto americano di Aman, ha fatto un buon lavoro per sposare il design e le finiture tradizionali con una modernità di linee e proporzioni. L’incorporazione di palme esistenti e alberi di eucalipto torreggianti aggiungono il senso che questo è stato qui per molti anni, e c’è una vera integrazione con la natura – il canto degli uccelli sempre presente e senza dubbio la piscina è la più invitante in Rajasthan, dominata da terrazze colonnate.

Un’antica preghiera sanscrita di buon augurio viene cantata all’arrivo, mentre una corda colorata viene legata intorno al polso. Si  viene poi  condotti ai padiglioni splendidamente proporzionati che si affacciano su uno splendido pozzo di 33 metri di acqua color smeraldo, e uno straordinario senso di pace scende. Il servizio è impeccabile: discreto, intelligente, intuitivo.

Gli interni sono classici di Aman: ordinati e minimalisti, con tessuti monocromatici e pietra lucida, marmo e legno contro il verde lussureggiante che li circonda e un uso giudizioso del marmo verde.

Le Camere

Ispirate all’architettura Moghul, le 37 suite e padiglioni presentano alti soffitti a cupola e bagni pieni di luce. Circondate da palme torreggianti e da una vegetazione lussureggiante, ognuna offre un cortile privato o una terrazza.

Le Pool Pavilions sono ciascuna delle dimensioni di una piccola villa e molto private.

Le camere hanno un’atmosfera rilassante e organica, come se fossero interamente scolpite in marmo e pietra arenaria; anche la base del letto in marmo king size – centrata sotto un soffitto a cupola – sembra sorgere naturalmente dal pavimento in marmo. Ognuna ha un’area lounge con daybed e poltrone, e una scrivania su un lato. Le porte si aprono su un cortile privato con una zona pranzo all’aperto. A parte la TV, ci sono i soliti lussi: aria condizionata, minibar, sistema audio.

I bagni sono enormi, con una vasca da bagno scolpita da un unico pezzo di marmo verde di Udaipur che prende il centro della scena; c’è anche una grande doccia walk-in. La Pool Pavilion è la categoria superiore, con porte che conducono al giardino e una generosa piscina di nove metri per tre, sedie a sdraio e un tavolo incassato all’aperto. Le Terrace Haveli Suites, situate sopra le Courtyard e Garden Haveli Suites hanno vista sulla splendida piscina centrale e sui dintorni lussureggianti.

Ristorazione

Amata in tutto il mondo, la cucina indiana è rinomata per il suo uso di spezie colorate e fragranti, la sua delicata stratificazione di sapori e il suo equilibrio tra piatti vegetariani e di carne. Utilizzando ricette familiari locali tramandate di generazione in generazione, gli chef offrono anche variazioni più leggere dei classici e una gamma di piatti internazionali, che possono essere adattati ai gusti individuali. Tre quarti dei prodotti utilizzati in piatti come il thali Rajasthani sono coltivati nell’orto biologico in loco, e tutto il pollame è allevato in libertà

L’inizio dell’autunno le temperature più fresche sono ideali per le gite diurne al chhatri fuori sede dove gli ospiti possono sdraiarsi su cuscini con vista sulla valle di Ajabgarh

In alternativa, per una serata indimenticabile con la persona amata, una cena privata accompagnati dal vostro chef, musicista sotto un baldacchino di stelle. Gli splendidi dintorni di Amanbagh offrono innumerevoli punti di picnic con vista panoramica. Il chhatri del resort offre uno splendido isolamento, in alternativa, il Gwaadi dalle pareti di fango vicino al giardino biologico o a Bhanghar o nella splendida natura selvaggia del Parco Nazionale di Sariska.

Nel Gwaadi – ‘casa del villaggio’, è un cortile aperto circondato dai tipici muri di fango secco del Rajasthan si svolgono dimostrazioni pratiche di cucina, accompagnate da musica dal vivo alla sera. Qui si può imparare a padroneggiare le complessità delle spezie, delle masala e di altri piatti indiani sotto la guida del team culinario, prima di assaporare le tue creazioni nel proprio angolo privato. Gli ingredienti biologici di provenienza locale sono parte integrante della cucina di Amanbagh

I ristoranti sono aperti agli ospiti e ai non residenti

La Spa

E’ il posto ideale per concedersi un massaggio olistico, uno scrub o un trattamento per il viso, o investire nella propria salute con una Wellness Immersion personalizzata di più giorni. Attingendo all’Ayurveda, il sistema indiano di medicina preventiva vecchio di 5.000 anni, questi programmi personalizzati includono anche lo yoga quotidiano nei giardini o nei templi vicini.

Ayurveda – la scienza della vita

Incoraggiando l’equilibrio in tutte le cose, l’Ayurveda è l’antico sistema di guarigione indiano che attribuisce un dosha costituzionale predominante – Vata, Kapha o Pitta – ad ogni individuo. Determinato da valutazioni ayurvediche approfondite, questa conoscenza assicura la prescrizione di trattamenti ayurvedici e piani di nutrizione orientati unicamente a riportare il corpo e la mente a uno stato di equilibrio.

Contemplazione dell’alba

Scoprire la pace della mente e il senso di benessere che l’hatha yoga e la meditazione possono portare con una sessione privata all’alba nel deserto forte di Pratapgarh. Arroccata su una collina, questa notevole reliquia risale al dominio del primo Maharaja di Alwar, che la fece costruire nel 1775.

Individual Wellness Immersions

Affrontando ogni aspetto della salute, dal movimento all’alimentazione, dal fitness alla consapevolezza spirituale, le Individual Wellness Immersions di Aman sono programmi di più giorni distribuiti durante tutto l’anno, orientati ai risultati e progettati alla trasformazione. Con un minimo di quattro notti, questi ritiri immersivi offrono diversi percorsi alla ricerca di obiettivi di benessere specifici attraverso programmi su misura ed una guida esperta.

Signature spa treatment

Chiamato come i titoli sanscriti dei grandi sovrani dell’India e delle loro spose regine, il massaggio Maharaja/Maharani di Amanbagh combina tecniche svedesi e orientali per rilassare e ringiovanire. Le lunghe carezze e l’olio infuso alle erbe assicurano la scomparsa dei punti di tensione, l’attenuarsi dei dolori muscolari e migliorata la chiarezza della mente.

Servizi

Si può esplorare la campagna rurale, i villaggi pittoreschi e le antiche rovine con le esperte guide locali di Amanbagh (in inglese). Vagare per la deserta Bhanghar, per un picnic tra gli antichi templi di Neelkanth, bere chai con gli abitanti del villaggio e avvistare i grandi felini nella Riserva delle Tigri di Sariska sono solo alcune delle possibilità.

Rajasthan Adventure Experiences

La campagna che circonda Amanbagh rivela le rovine di un antico impero incastonato in un paesaggio di rara bellezza. La città di Bhangarh del XVII secolo – abbandonata appena una generazione dopo il suo completamento – si trova nelle vicinanze, così come il secolare villaggio. Il forte e il tempio di Ajabgarh, possono essere raggiunti a piedi o in cammello dal resort. La vicina Sariska tiger reserve, che oltre alla tigre ospita anche leopardi, cervi ,sambar, sciacalli e langur e molti altri animali ancora, è a breve distanza in auto, così come la città templare di Neelkanth, con più di 80 templi circondata da montagne su tutti i lati.

Un’antica città fantasma

Disertata fin dall’inizio della sua storia, perché secondo le credenze infestata , Bhangarh ospita resti di palazzi, templi, piscine e bazar, conservati tra prati verdi e ficus giganti. Patrimonio nazionale, fu costruito nel XVII secolo da Diwan Madho Singh della famiglia reale di Jaipur. Amanbagh può organizzare visite guidate alle rovine di questa folcloristica città medievale.

Un’accoglienza genuina e incontri tribali

Tour in jeep per sperimentare la vita nel Rajasthan rurale. La gente del posto nel villaggio accoglie genuinamente i visitatori come ospiti d’onore, offrendo chai (tè indiano speziato). Le escursioni del tardo pomeriggio sono particolarmente scenografiche, poiché la polvere sollevata da capre, mucche e bufali mentre vengono ricondotti a casa dopo una giornata di pascolo si mescola al tramonto gettando un bagliore dorato sulla campagna.

I villaggi che punteggiano le colline di Aravalli ospitano la tribù Meena, nota per gli abiti colorati, i gioielli e l’artigianato. Gli ospiti dell’Amanbagh sono invitati a visitarli per un’autentica esperienza di vita rurale. Merita una visita anche la vicina moschea di Baba Kapoor Shah, eretta nel XVII secolo in memoria del grande mistico Sufi.

In bicicletta fino alla colazione

Esplorare su due ruote o anche in cammello è il modo migliore per interagire con gli abitanti dei villaggi e immergersi veramente nell’atmosfera della vita del villaggio. Si può rendere questa esperienza davvero memorabile unendosi ad una famiglia nella propria casa per una colazione tradizionale.

Tiger safaris

Un tempo terreno di caccia personale del Maharaja di Alwar, la riserva delle tigri di Sariska si trova a soli 45 minuti di macchina da Amanbagh. Oggi la riserva funge da santuario per le tigri in via di estinzione, ed è anche la casa di gatti selvatici, caracal, cervi Sambar e molte altre belle specie.

Accesso per gli ospiti con disabilità

Una camera è accessibile in sedia a rotelle con i servizi necessari, e c’è una rampa per sedie a rotelle che dà accesso alla reception e all’area del cortile.

Famiglie e bambini

I bambini sono i benvenuti con cacce al tesoro; rangoli (disegni con petali o con lenticchie e riso); preparazione di ghirlande; cricket; badminton; giochi tradizionali indiani di pittoo, chausar e biglie; visite alle scuole locali per incontrare e interagire con bambini della stessa età; lezioni di cucina; lezioni di musica su tabla e flauto; tatuaggi all’henné; yoga per bambini; piantare verdure; cavalcare cammelli o carretti trainati da cammelli; tour in bicicletta; passeggiate guidate nella natura con guide naturalistiche (in inglese).

Amanbagh